La lettera aperta di Alberto Scuro (Asi) a Ruoteclassiche